1. A Bologna sta nascendo il più grande parco didattico al mondo dedicato all’agroalimentare: F.I.CO.® un parco tematico di 80.000 mq che, dal 2016, richiamerà un volume di 9.000.000 di turisti all’anno per esibire l’intera filiera del food made in Italy, dalla pianta, alla tavola. Un simile progetto non può non innescare, sul territorio, meccanismi di trasformazione urbana finalizzati al completamento dei servizi per turisti e visitatori. In quest’ottica si inserisce F.I.CO. Wellness Club: un progetto per la realizzazione di un’area benessere, che faccia scoprire i tesori della natura non solo come elementi di nutrizione, ma pure come fondamento per la cura ed il benessere del corpo.

2. Il progetto nasce dalla volontà di isolarsi rispetto al contesto industriale, Fico Wellness club nasce quindi come un’isola felice racchiusa su se stessa, introversa, silenziosa e strettamente legata alla natura che qui torna ad essere protagonista quasi a volersi riappropriare di ciò che un tempo era stato a vocazione agricola.

3. Ecco quindi che zolle di terreno si alzano aprendosi verso l’interno del lotto, a sottolineare la volontà di estraniarsi da ciò che lo circonda.

4. All’interno un percorso guidato porta i visitatori ad attraversare una serie di ambienti in preparazione all’esperienza wellness, garantendo privacy e ogni tipo di comfort. Lo spazio spogliatoi divide gli spazi aperti anche a visitatori esterni, dagli spazi riservati ai clienti che saranno da qui trascinati in una sequenza di esperienze multisensoriali. Il progetto comprende due diversi percorsi benessere, uno sul modello delle spa più raffinate, l’altro sul modello delle originarie terme romane, che convergono poi nell’ampio spazio relax dell’acqua zone.

5. L’ingresso degradante, ben identificabile dalla strada, permette di raggiungere la corte interna dove si ha un primo assaggio della quiete che caratterizza l’intero progetto.

6. Gli spazi esterni, ed in particolare la corte interna, sono dominati dalla presenza del verde e dell’acqua, a sottolineare il forte legame che questo progetto ha con gli elementi naturali.

7. Gli spazi interni sono in continua ricerca di relazioni con l’esterno attraverso grandi vetrate che permettono l’esaltazione del connubio natura/benessere. La presenza dell’acqua si fa predominante, in un susseguirsi di piscine caratterizzate da atmosfere differenti e cascate d’acqua. I percorsi spa invece propongono sauna e bagno turco tradizionali, accostati ad altri in cui vengono utilizzati prodotti naturali base (quali fanghi, fieno, sale, erbe aromatiche).

8. Il progetto non manca poi di richiamare il modello originario delle terme romane caratterizzato dalle tre vasche calidarium, tepidarium e frigidarium, accostate ad una vasca per il nuoto.

9. La stagionalità è parte integrante del progetto, dotato di suite spa, quattro spazi esclusivi a misura individuale o di coppia, così come le quattro stagioni, ognuno caratterizzato da colori, profumi ed essenze diverse.

10. Le suite spa sono ambienti esclusivi, progettati in ogni minimo dettaglio, per garantire la giusta privacy a chi sceglie di vivere queste esperienze in uno spazio caldo ed accogliente, in un atmosfera unica, per un benessere assoluto.